Devi – Una e Molteplice

Dal 16 al 20 marzo 2020

Stage diretto da Bharata Natyam con Vidhya Subramanian

Orari : lunedì, martedì et mercoledì dalle 11 alle 18; giovedì e venerdì dalle 12 alle 19
Durata : 30 ore
Tariffe : 300 € (individuale), 600 € (finanziamento)

« Sei tu dunque, l’Unica,
eppure tu rivesti la forma
di tutto quel che esiste al mondo.
Tu sei dunque la Molteplice. »
— Devî Upanishad VIII, 26

È sotto forma benevola di Parvati che Shakti è venerata come la sposa di Shiva, ma questo aspetto non basta per spiegare i molteplici aspetti della dea. Come lui, lei assume diverse forme. Ai benevoli aspetti di Shiva, corrispondono gli aspetti di Sati, Parvati, Uma. Agli aspetti duri e arrabbiati del dio, corrispondono quelli di Durga, Kali. Ai mille e otto nomi di Shiva corrispondono i mille e otto nomi della dea. Personificazione dell’assoluto, è lei che crea, distrugge e preserva i mondi. Le tre forme principali della dea, Parvati Durga e Kali, sono parallele alle tre forme del Trimurti e assumono le tre funzioni divine abitualmente ricoperte dagli dei Brahma, Vishnu e Shiva. Rajarajeshwari, colei che regna sul re dei re, è un aspetto di Lalita, incarnazione della bellezza e della grazia. Gli dei Brahma, Vishnu, Shiva e Skanda sono i piedi del suo trono, ed ella siede sul corpo del suo sposo Kameshwara (Shiva). Le dee Saraswati e Lakshmi la svelano. Lei è la personificazione della dea suprema.

Shri Rajarajeshwari ashtakam è un poema di otto strofe composto da Shankaracharya (filosofo e guida spirituale dell’VIII secolo) in onore della dea. Vidhya ha creato la coreografia di questo pezzo mettendola in forma di Tillana (danza gioiosa e ritmata) su una musica di Raj Kumar Bharati. Questa coreografia mostra i differenti aspetti della dea: grazia, possanza, energia e compassione.

Still I Rise è una creazione di Vidhya Subramanian che collega Draupadi (l’eroina del Mahabharata) e la donna contemporanea attraverso le tecniche del Bharata Natyam e dello slam. Il parte finale della creazione è centrata sul poema di Pushyamitra Upadhyay Ab Govind na ayenge nel quale Draupadi, sconvolta dal constatare che il mondo non è cambiato, lancia un grido di collera: “Govinda non verrà! Alzati, sorella mia, figlia mia, combatti!”. In questo poema si sente un eco della celebre poesia di Maya Angelou “Still I Rise” (“Mi alzo ancora”), in cui viene trasmesso un messaggio che chiama alla ribellione e mobilizzazione contro la violenza sulle donne.

Tuffarsi in queste due composizioni, impararle, permetterà ai partecipanti di scoprire i differenti aspetti del mito della dea e di ritrovarvi un profondo senso personale. Questi differenti aspetti sono in ciascuno di noi, e Vidhya propone di esplorarli per poter superare noi stessi.

In collaborazione con Hamsasya

hamsaya


Notiziario

Non ti invieremo spam. Riceverai la nostra newsletter mensile (in francese) all'inizio di ogni mese.

Prenotazione e registrazione

Per ulteriori informazioni, per registrarti o prenotare un seminario, uno stage, un evento, contattaci telefonicamente all'indirizzo +33 (0)1 43 98 20 61 o via e-mail.

Per iscriversi ai corsi, vi preghiamo di inviarci CV, lettera di presentazione e foto.

Qualunque sia il tuo stato, la tua formazione può essere curata: informati con Afdas, Pôle Emploi, il tuo OPCA (per i beneficiari) o per ulteriori informazioni contattaci.